Si è tenuto ieri 16 ottobre 2015  a Firenze, all’Hotel Mediterraneo il convegno dal titolo “La proprietà industriale quale presidio privilegiato del Made in Italy” organizzato dalla Fondazione per la Formazione Forense dell’Ordine degli Avvocati di Firenze e dalla Fondazione dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze. Il convegno è il primo di una serie di iniziative congiunte delle due Fondazioni che esamineranno i prossimi argomenti con un taglio interdisciplinare.

Il convegno è stata l’occasione per presentare la monografia del moderatore, il Prof. Avv. Aldo Fittante, Professore a contratto in materia di “Diritto d’Autore” presso il Corso di Laurea in Disegno Industriale dell’Università degli Studi di Firenze, dal titolo Brand, Industrial Design e Made in Italy: la tutela giuridica, appena pubblicata da Giuffrè.

La prima relazione è stata di Donato Nitti, avvocato in Firenze, dottore di ricerca in diritto privato comparato e docente alla Tongji University di Shanghai, con una relazione sui rapporti tra marchi e Made in Italy. L’intervento, dopo avere ripercorso e confrontato le funzioni economiche e giuridiche del marchio e del Made in Italy, ha analizzato tre degli argomenti ove disciplina del marchio ed il Made in Italy si confrontano: i segni contenenti indicazioni che possono designare la provenienza geografica del prodotto, i segni contenenti indicazioni geografiche e i marchi collettivi. L’ambito processuale è stato trattato discutendo se, quando e come sia possibile citare di fronte al giudice italiano un convenuto straniero che abbia commesso atti di contraffazione e concorrenza sleale all’estero.

L’intervento di Paolo Oliva, avvocato in Pisa, dal titolo “Marchi, disegni e modelli: profili sostanziali e criteri di soluzioni del conflitto tra segni distintivi” si è incentrato sulla natura e funzione del diritto di esclusiva del quale ha esaminato il fondamento e le conseguenze, alla luce della giurisprudenza, in relazione ai disegni e modelli ed ai marchi, alle loro interferenze ed al principio di unitarietà dei segni distintivi.

Francesco Mazzi, commercialista in Firenze, dottore di ricerca in programmazione e controllo e docente di Valutazione d’Azienda all’Università di Firenze, ha presentato la relazione dal titolo “I diritti di privativa industriale quali beni intangibili a bilancio”. L’intervento ha trattato i temi  dell’iscrizione in bilancio, dei criteri valutativi e delle dinamiche di riduzione del valore delle immobilizzazioni immateriali. Inoltre, in un’ottica allargata, ha fornito una panoramica degli aspetti che riguardano i diritti di privativa in sede di combinazione azienda (M&A) ove gli aspetti valutativi divengono essenziali ai fini della stima del valore aziendale.

La relazione di Marco Bianchi, avvocato in Perugia, dal titolo “Rilievi pratici: la protezione giuridica del patrimonio di proprietà̀ industriale e intellettuale” ha illustrato i profili processuali della tutela della proprietà industriale, analizzando gli strumenti cautelari e di merito che l’ordinamento offre ai titolari di diritti IP per tutelare efficacemente i loro interessi. Nel corso dell’intervento sono stati illustrate varie diverse ordinanze e sentenze che hanno mostrato in concreto come lo stesso problema possa essere risolto in modo opposto da decisioni diverse.

 

Bookmark and Share

LASCIA UN COMMENTO

CHI SEI?

IL TUO COMMENTO

Current day month ye@r *